EIZO e il Dipartimento di Anatomia Patologica

Per implementare la digitalizzazione nel Dipartimento di Anatomia Patologica del Policlinico di Linköping in Svezia, la consulente responsabile Anna Bodén MD ha deciso di procedere all'acquisto dei monitor EIZO RadiForce RX850. Tutte le workstation allestite con i modelli RadiForce RX850 per la diagnosi su schermo sono in grado di visualizzare le immagini digitali dei vetrini di tessuti scansionati.

Digitalizzazione nel Dipartimento di Anatomia Patologica

La digitalizzazione del Dipartimento di Anatomia Patologica offre i seguenti vantaggi:

  • Riduzione dei costi per la diagnosi da remoto 
  • Telelavoro
  • Analisi più precisa e valutazione delle prestazioni
  • Interoperabilità con l'archiviazione basata su cloud e gestione corretta della cartella clinica
  • Condivisione dei dati senza la necessità di spostare fisicamente i preparati istologici
  • Collaborazione trasversale e multidisciplinare
  • Coerenza delle revisioni e accesso ai preparati e richieste di indagini specialistiche
  • Pronta diagnosi  (senza spostament fisico dei vetrini istologici)
  • Maggiore ergonomia per la verifica visiva del preparato su monitor anziché sul microscopio

Per la realizzazione di un flusso di lavoro digitale, occorre emulare e analizzare completamente l'ambiente analogico (con vetrini e microscopi), al fine di creare un'architettura IT idonea e una piattaforma interoperabile. In un flusso di lavoro digitalizzato, tutti i vetrini vengono scansionati e la diagnosi viene condotta dallo stesso patologo in tempo reale fornendo risultati più veloci.

Caratteristiche fondamentali per il Dipartimento di Anatomia Patologica

Il processo della digitalizzazione e nuove tecniche istologiche rivoluzionano i processi lavorativi all'interno del laboratorio e richiede l'impiego di monitor medicali in grado di garantire la migliore simulazione dell'immagine acquisita dal microscopio, una navigazione veloce ed efficiente e una visione confortevole di grandi set di dati.

La scelta della Dottoressa Bodén a favore dei modelli EIZO RadiForce RX850 è imperniata sulla valutazione delle principali caratteristiche dei monitor: dimensione, risoluzione, resa cromatica e livelli di luminosità.

Consulente del Dipartimento di Anatomia Patologica MD Anna Bodén durante la valutazione
Consulente del Dipartimento di Anatomia Patologica MD Anna Bodén durante la valutazione
La scelta è caduta sul monitor RadiForce RX850
La scelta è caduta sul monitor RadiForce RX850

Policlinico Universitario Linköping, Svezia

Nel 2016 la rivista "Dagens Medicin" ha conferito al Policlinico Universitario di Linköping  per la seconda volta in tre anni il Premio di Eccellenza come miglior ospedale universitario della Svezia. Il centro ospedaliero di Linköping conta circa 600 posti letto e oltre 5000 dipendenti e intreccia attività di assistenza medica, didattica e ricerca ed è punto di riferimento per la traumatologia, oculistica chirurgica e patologie riguardanti il diabete giovanile.  E' inoltre specializzato come Centro ustioni e chirugia plastica ricostruttiva e interventi per il cambio di sesso per tutta la Scandinavia. L'ospedale Universitario di Linköping è noto per il forte orientamento al paziente e un modello organizzativo dinamico che prevede il coinvolgimento dei pazienti e del personale nel processo assistenziale. Il dipartimento di genetica clinica svolge attività di ricerca sia al Policlinico di Linköping che nei Centri Oespedalieri di Norrköping e Vrinnevisjukhuset.

Center for Medical Image Science and Visualization (CMIV)

Il Center for Medical Image Science and Visualization (CMIV) è un centro di ricerca interdisciplinare istituito dall'Università di Linköping, dalla Regione Östergötland e da Sectra AB. La CMIV conduce progetti di ricerca sperimentali interdisciplinari che hanno lo scopo di risolvere problemi clinici futuri. La mission è quella di sviluppare metodi e strumenti innovativi orientati al futuro che garantiscono un'analisi e visualizzazione avanzata delle immagini medicali, soluzioni indirizzate al benessere delle persone.

La CMIV fa parte del progetto DigiPat3 finanziato da VINNOVA, un consorzio composto da CMIV, Sectra e sette consigli Regionali/fornitori di servizi medici (Dalarna, Gävleborg, Jönköping, Norrbotten, Sahlgrenska, Stockholm, Unilabs, Värmland, Västmanland, Örebro e Östergötland) e Equalis, Interactive Institute ICT e LRI Imaging. DigiPat3 si concentra su nuovi processi di lavoro e strumenti informatici in grado di sfruttare l'intero potenziale delle tecnologia Whole Slide Images per imaging da vetrino istologico completo (o WSI).

CMIV collage

Durante i primi due anni il progetto DigiPat3 ha definito una soluzione olistica che comprende nuovi flussi di lavoro, un'architettura IT tagliata su misura e una serie di requisiti prioritari per i rispettivi strumenti IT. Il progetto ha sviluppato un dimostratore per sostenere parti della soluzione totale e una piattaforma per un centro di competenza e di ricerca in questo settore.  Attualmente il progetto pone la sua attenzione sull'implementazione di soluzioni digitali in ambienti clinici e prosegue con la realizzazione di strumenti digitali e l'ampliamento della piattaforma di ricerca. L'obiettivo perseguito nell'ambito dell'anatomia patologica è migliorare l'efficienza riducendo le ridondanze, abbreviare i tempi di lavoro, migliorare l'accuratezza diagnostica,  rendere più snello il workflow operativo risparmiando sui costi e ottenere una migliore educazione medica.

La base della piattaforma di ricerca si trova al Centro CMIV. Per rafforzare l'infrastruttura nell'ambito dell'anatomia patologica, EIZO ha stretto una fruttuosa collaborazione tecnologica con il centro CMIV mettendo a disposizione il modello RX850. Disporre della stessa soluzione utilizzata in Patologia è di essenziale importanza per poter ampliare l'efficenza e la qualità dei risultati della ricerca. La partnership con EIZO offre inoltre un'ottima opportunità per seguire gli sviluppi e i mutamenti della tecnologia digitale nei dipartimenti di Anatomia Patologica in tutta la Svezia.

RX850

RX850 Serie G&R
RX850 RadiForce

Il monitor a 8 MP per la refertazione RX850 sostituisce perfettamente 2 o 3 monitor della workstation radiologica. La curva DICOM GSDF è preimpostata con cura in fabbrica.

  • 79 cm (31,1 pollici)
  • 8 megapixel (a colori),
  • Pannello IPS
  • 2x DisplayPort, 2x DVI-D
  • 79 cm (31,1 pollici)
  • 8 megapixel (a colori),
  • Pannello IPS
  • 2x DisplayPort, 2x DVI-D