Usufruire al meglio dell’ampio spazio cromatico Adobe RGB

Rappresentazione degli spazi cromatici: Adobe RGB, SRGB e ISO Coated Color

Adobe RGB è uno spazio cromatico RGB introdotto nel 1998 da Adobe Systems Inc. La motivazione principale era quella di definire uno spazio in grado di descrivere tutti i colori riproducibili da stampanti CYMK professionali. Immagini salvate come file nello spazio Adobe RGB possono essere riprodotte con una gamma tonale molto più ampia che nello spazio sRGB, con colori saturi nelle tonalità verdi e nei turchesi (vedi illustrazione). Esistono inoltre anche scanner e macchine fotografiche digitali di nuova generazione ad alta performance che utilizzano lo spazio Adobe RGB. Di conseguenza è assolutamente indispensabile che il monitor sia in grado di supportare la riproduzione della gamma cromatica Adobe RGB.

Migliorare la precisione della calibrazione del colore del monitor

Se il monitor copre lo spazio Adobe RGB sarà possibile, per esempio, gestire correttamente la riproduzione sullo schermo di un immagine scattata con una fotocamera digitale nella modalità Adobe RGB.

L’illustrazione suddetta descrive chiaramente come lo spazio Adobe RGB copra l’intero profilo colore ISO Coated, comunemente utilizzato per la stampa. Solo se il monitor è in grado di coprire lo spazio Adobe RGB, sarà possibile ottenere una prova colore precisa.

Esistono inoltre processi di stampa come l’esacromia Hexachrome® che oltre ai colori ciano, magenta, giallo e nero includono anche arancione e verde e che utilizzano un gamut che supera lo spazio sRGB. In tal caso sarà espressamente necessario l’impiego di un monitor con un gamut particolarmente esteso.

Panoramica

Assicurare colori ripetibili e coerenti nel flusso di lavoro e il motivo per cui nella pratica la resa dei colori non è identica sui diversi dispositivi di output.

All‘articolo

Confronto fra calibrazione hardware e software. Perché bisogna eseguire regolarmente una calibrazione?

All’articolo

Adobe RGB copre uno spazio cromatico più ampio dello spazio sRGB, soprattutto nelle tonalità che vanno dal blu al verde.

All’articolo