Ricca dotazione di ingressi

Il monitor dispone di ingress analogico D-sub per il collegamento al computer. Un ingresso composito (BNC) offre la connessione a telecamere o altri sistemi di sicurezza a circuito chiuso (CCTV).

Risoluzioni differenti

Il monitor supporta diverse risoluzioni fino alla risoluzione raccomandata di 1280 x 1024 pixel.  Risoluzioni diverse da quella nativa vengono riprodotte nel rapporto 1:1, scalate proporzionalmente o espanse a pieno schermo. Questa capacità è di particolare utilità durante il setup nel caso in cui vengano ricevute risoluzioni non native, oppure se ci si serve di applicazioni che non sono in grado di restituire la risoluzione 1280 x 1024.


Modalità Underscan o Normale

Il monitor offre due differenti opzioni di visualizzazione: la modalità Underscan mostra l’immagine al 100% e si presta perfettamente per l’elaborazione di segnali video delle telecamere, la modalità normale visualizza il 95% dell’immagine.

Visione ottimale in ogni circostanza

La luminosità massima di 350 cd/m2 offre livelli di luminosità sempre ottimali, anche in condizioni di illuminazione particolarmente intense.


Riduzione del rumore e dell'effetto flicker

La separazione Y/C garantisce un’immagine priva di effetto di sfarfallio e disturbi di rumore. Le informazioni del segnale di luminanza (Y) e di crominanza (C) vengono infatti suddivise per evitare artefatti di sovrapposizione. La gamma cromatica comprende 16,77 milioni di colori per una resa cromatica brillante e cristallina.

Privo di sfarfallio

Il monitor dispone di una retroilluminazione a tecnologia LED  che controlla la luminosità in modo ottimale ed elimina efficacemente eventuali effetti di sfarfallio che possono affaticare la vista degli utenti che passano molte ore davanti allo schermo.


Conforme allo standard PAL, SECAM e NTSC

Il monitor supporta i segnali degli standard video più diffusi in ambiente di videosorveglianza: PAL, SECAM e NTSC.

Uso continuato 24/7

Concepito per servizi sempre attivi, 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Affidabile e robusto, coperto da una garanzia EIZO di 2 anni.


Domande frequenti
A chi mi rivolgo per l‘assistenza EIZO?

EIZO offre un servizio veloce ed efficiente, nel caso che il prodotto necessiti dell'assistenza. Contattate direttamente il CENTRO ASSISTENZA EIZO ITALIA. Per informazioni e supporto commerciale e tecnico siamo a disposizione telefonicamente, tramite email o l’apposito modulo nella sezione di assistenza del sito.

Tel. 02 66429521, 02 66429524
eizo.italia@eizo.com

Con che cosa pulisco la superficie del mio monitor LCD EIZO?

Per mantenere la superficie del monitor sempre protetta si consiglia la pulizia della superifice con il kit di pulizia EIZO.

IMPORTANTE: non utilizzare solventi come benzina, alcool, agenti diluenti o abrasivi che possono danneggiare la struttura del cabinet.

Cabinet
Per togliere eventuali macchie pulire l’unità con un panno morbido asciutto o solo leggermente inumidito con una soluzione detergente delicata o con acqua. Non usare spray o cera sul cabinet.

LCD
La superficie dello schermo può essere eventualmente pulita con un panno di cotone con superificie morbida per non graffiarla oppure con pezzuole in microfibra.

Quale scheda grafica raccomanda EIZO?

EIZO non può raccomandare una scheda particolare, l’unico consiglio che possiamo fornire è di utilizzare un segnale in uscita digitale che supporta la risoluzione massima del monitor.

Angolo di visualizzazione – cosa definisce?

L’indicazione dell’angolo di visualizzazione si riferisce all’angolo massimo in cui possiamo ottenere una visione corretta dell’immagine. Se ci si sposta lateralmente o verticalmente dalla posizione frontale sarà possibile constatare una perdita o decadimento di definizione dell’immagine. Ottimalmente il valore dovrebbe raggiungere parametri pari ad almeno 160° - 178°. Questi parametri comunque non offrono nessuna informazione sulle enormi differenze di contrasto che possono insorgere nell’arco di visione. L’angolo di visuale è direttamente proporzionale al rapporto di contrasto del monitor; variando l’angolo è evidente come la luminosità tenda a diminuire (legge di Lambert). La stabilità cromatica varia a seconda della tecnologia del pannello (IPS, TN ecc.) e le informazioni possono essere ricavate da analisi polari.

Cosa significa "contrasto"?

Il valore del contrasto nativo indica la differenza di luminosità tra un pixel bianco ad un pixel nero e viene rilevato in un ambiente controllato in laboratorio. Valori di contrasto tipici sono 6:1 per giornali, 31:1 stampante laser, 49:1 carta fotografica. Il contrasto massimo non sarà comunque mai rilevabile nel normale ambiente di lavoro, dato che un nero assoluto, persino a schermo spento, non potrà mai essere raggiunto in condizioni di illuminazione „normale“.

Trovate le risposte alle domande più frequenti sui nostri prodotti nella sezione FAQ.

FAQ