Cosa significa "contrasto"?

Il valore del contrasto nativo indica la differenza di luminosità tra un pixel bianco ad un pixel nero e viene rilevato in un ambiente controllato in laboratorio. Valori di contrasto tipici sono 6:1 per giornali, 31:1 stampante laser, 49:1 carta fotografica. Il contrasto massimo non sarà comunque mai rilevabile nel normale ambiente di lavoro, dato che un nero assoluto, persino a schermo spento, non potrà mai essere raggiunto in condizioni di illuminazione „normale“.

A cosa serve EIZO ColorNavigator?

Il software ColorNavigator è destinato alla calibrazione dei modelli della linea ColorEdge.

Come possono raggiungere una calibrazione ottimale con il sensore Swing?

Per ottenere una calibrazione ottimale è importante che le condizioni ambientali di illuminazione durante la calibrazione siano simili a quelle che normalmente prevalgono durante il processo lavorativo al posto di lavoro.

A che cosa serve la funzione Smart Resolution?

Smart Resolution è una tecnologia concepita da EIZO che riduce e corregge eventuali sfocature fornendo immagini altamente contrastate, senza la presenza di artefatti o imperfezioni che spesso insorgono durante la compressione video. Specialmente in situazioni di gioco, la Smart Resolution provvede, per esempio, ad arricchire la qualità dei contenuti risaltandone i dettagli. Nelle fotografie e nella rappresentazioni di fotografie la struttura dell’incarnato risulterà più realistica.

Come funziona l‘autocalibrazione?

La funzione di autocalibrazione viene supportata dai modelli ColorEdge che dispongono di un sonda di calibrazione integrata nel monitor che esegue in modo completamente automatico la calibrazione, senza utilizzare ulteriori dispositivi di misurazione esterni, in assenza dell’operatore e persino a PC spento. Una volta programmato è possibile ricalibrare il monitor con tempi ed orari prestabiliti. La programmazione può essere effettuata tramite ColorNavigator o mediante il menu OnScreen.

La leggibilità di testi può risultare ridotta con un monitor a 4K?

Non necessariamente. E’ possibile mantenere la precisione della riproduzione a 4K e al contempo visualizzare in modo confortevole I testi.

Angolo di visualizzazione – cosa definisce?

L’indicazione dell’angolo di visualizzazione si riferisce all’angolo massimo in cui possiamo ottenere una visione corretta dell’immagine. Se ci si sposta lateralmente o verticalmente dalla posizione frontale sarà possibile constatare una perdita o decadimento di definizione dell’immagine. Ottimalmente il valore dovrebbe raggiungere parametri pari ad almeno 160° - 178°. Questi parametri comunque non offrono nessuna informazione sulle enormi differenze di contrasto che possono insorgere nell’arco di visione. L’angolo di visuale è direttamente proporzionale al rapporto di contrasto del monitor; variando l’angolo è evidente come la luminosità tenda a diminuire (legge di Lambert). La stabilità cromatica varia a seconda della tecnologia del pannello (IPS, TN ecc.) e le informazioni possono essere ricavate da analisi polari.

Cosa significano le lettere dell’alfabeto in coda al nome del modello EIZO?

Descrizione:
BK: cabinet nero
GY: cabinet grigio chiaro
WS: cabinet bianco-argento
WT: cabinet bianco

Cosa è la temperatura del colore?

La temperatura del colore di un monitor viene misurata in gradi Kelvin (K) secondo una scala che va dal rosso al blu. Alte temperature risulteranno leggermente bluastre, temperature basse rossastre.
5000 K: valore spesso utilizzato per contenuti stampati.
6500 K: ideale per la visione di foto e video.

È possibile connettere due PC ad un solo schermo?

I monitor EIZO dispongono normalmente di due o più interfacce per il segnale d’ingresso. Con il tasto „signal“ 1 o 2 oppure S, a seconda del modello, è possibile collegare senza intoppi 2 o più PC e commutare tra un PC e l'altro.

Modelli EIZO precedenti

Informazioni e dettagli su modelli precedenti sono disponibili sul sito EIZO.com.

Visita il sito eizo.com